Meglio ricercati che ricercatori

Quante volte vi é capitato presentando un curriculum sentirvi rispondere :”sei troppo titolato per questa mansione“, a me diverse, svariate volte che poi se ho presentato il curriculum mi va anche di fare una cosa per la quale sono troppo titolata, questo non passa nella testa di coloro che fanno il colloquio? 

E quelli troppo titolati cosa fanno in questa Italia che dà ben poche possibilità (non é il mio caso si intente, in alcuni casi sarò stata troppo titolata ma non abbastanza per scappare via)…conoscete i cervelli in fuga, quei laureati che scappano dal nostro Paese e svolgono la loro professione lí dove qualcuno non solo li apprezza, ma mette a servizio della comunità le loro capacità.

Per chi non avesse visto Smetto quando voglio, qui i cervelli non fuggono ma, sarebbe il caso di dire “evadono“. Pietro, quello che ha bisogno di una lavastoviglie e che é appena stato mandando via dall’università, mette su una banda di ricercatori che il sistema “rifiuta” in un certo senso, e si dedicano a produrre e a spacciare le droghe sintetiche.

Il gruppo é eterogeneo c’è il neurobiologo (Pietro) appena licenziato che disegna la molecola, il chimico adesso cameriere che la sintetizza, ci sono anche un economista, un antropologo, un archeologo e addirittura due latinisti

Se non l’avete ancora mai visto vedetelo e riderete come poche volte guardando un film, se lo avete già visto rivedetelo e poi correte al cinema a vedere Smetto quando voglio Masterclass.

La banda viene rimessa in piedi dallo stesso Pietro per volere di una poliziotta che vuole far carriera, e che per fare questo concederà tanti giorni di libertà dal carcere a Pietro che in virtù della “pulizia della fedina penale” per tutti arruola nuovi personaggi (veri cervelli in fuga) per individuare la formula di 30 droghe legali prodotte a Roma.

Con questo nuovo capitolo le risate sono assicurate e sono addirittura triplicate, se vi piace il genere, non fatevelo sfuggire anche perché ci sarà un terzo capitolo della serie…e se le premesse sono queste…

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...