E…state

Pomeriggio assolato di un caldo luglio

la giovane donna cammina assorta

si desta ogni tanto dai suoi pensieri

nel seguire il volo di stormi neri.

Tra il bianco delle pietre 

piccole e grandi crepe scrivono la storia

il vestito lieve danza nel vento

senza una musica di accompagnamento.

Scorge un locale chiuso ai clienti

si ferma e si siede su di un gradino

mentre un suono sale

é il concerto delle cicale.

Con tristezza il sole tramonta

la nostalgia di un giorno che va

dietro di lei si apre la porta

il locale si riempie 

lei si desta, sorride felice 

inizia l’estate ristoratrice.

[Questo post partecipa agli esercizi di scrittura degli aedidigitali con il tema #estate]

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...