3 febbraio setsubun

Ieri è venuta a farci visita la mia amica giapponese, è sempre una gioia rivederla. Nei nostri 25 anni di amicizia anno dopo anno ci siamo viste crescere ed ora vede crescere le mie bambine.

La Mini-Me quando tornando da piscina l’ha ritrovata a casa è corsa ad abbracciarla felice, la Mini-Mini più restia all’inizio, essendo più piccola non se la ricordava, l’ha poi eletta sua compagna di giochi.

Conoscere culture diverse per me è alla base della crescita, sono felice che sia l’AltraMetàDi-Me che io abbiamo amici sparsi per il mondo, i momenti di incontro sono altamente formativi per noi e per le nostre bambine.

Ad esempio ieri in Giappone si festeggiava il Setsubun e Mika ci ha introdotto a questa tradizione spiegandoci con dei doni come fare.

il 3 febbraio in Giappone si celebra la fine dell’inverno e ci si prepara ad accogliere la primavera, in una festa che può essere considerata una sorta di capodanno: stiamo parlando del setsubun, probabilmente una delle tradizione arcaiche giapponesi più interessanti, legata all’antico calendario lunisolare.

Il termine setsubun 節分 letteralmente significa divisione delle stagioni (da setsu= stagione, periodo; bun 分 = divisione), e si tratta di un giorno particolare in quanto segna la fine di un periodo e l’inizio di un altro.

Il rito principale di questa giornata è costituito dal mamemaki (豆撒き), cioè il lancio dei fagioli di soia, volto a scacciare i demoni. Nelle case, di solito il capofamiglia, indossa una maschera da diavolo, contro cui vengono appunto lanciati i fagioli da soia tostati, al grido di: “Oni wa soto! Fuku wa uchi!”  che significa “Demoni fuori! Fortuna dentro!” 「鬼は外! 福は内!」. Dopo questo rito, ogni membro della famiglia deve mangiare tanti fagioli quanti sono i propri anni, più uno per l’anno che sta iniziando. Vengono utilizzati i fagoli di soia in quanto considerati alimento sacro da offrire agli dei, e vengono tostati per far sapere ai demoni che essi potranno venire quando quei fagioli germoglieranno: vale a dire, mai!

Le piccole si sono molto divertite e hanno mangiato più fagioli di quanto la loro età richiedeva.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...