…e il punto cieco

Pensiamo di conoscere le persone che ci vivono accanto ma poi ci rendiamo conto di non conoscerle affatto. Basti pensare ai vicini, conoscenti, familiari intervistati dopo un omicidio, un suicidio… sentiamo spesso dire: “era una persona insospettabile”, “era una persona buona, generosa con tutti”.

In ognuno di noi esiste un punto cieco, quella parte in ombra che viene fuori sempre più raramente o che noi ci rifiutiamo di vedere. Quante volte noi madri non ci rendiamo conto degli scatti di ira dei nostri figli, o del fatto che nostro figlio/a si è trasformato in un bullo. Siamo pronti a mettere la mano sul fuoco dicendo che nostro figlio/a non sarebbe capace mai.

Ci rifiutiamo di vedere quel punto cieco, che sicuramente abbiamo avuto sotto gli occhi ogni giorno. Non è facile vedere quando non si vuole vedere, quando si è offuscati dall’amore materno, fraterno, coniugale. Dovremo ricordarci che il punto cieco è lí per ognuno di noi e andare alla ricerca.

Non sempre il punto cieco nasconde qualcosa di brutto, ma tutte quelle azioni, quei comportamenti ai quali non abbiamo dato peso, che non abbiamo visto né cercato, ed è per questo che le persone non si conoscono mai abbastanza. Bisognerebbe allenarsi alla ricerca del punto cieco.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...