The sun and her flowers

Non sono un’amante del genere poetico ma amo davvero tanto il modo di fare poesia di Rupi Kaur, avevo già potuto apprezzare il suo modo schietto e a volte crudo di raccontarci l’amore, la violenza sessuale, lo scorrere delle stagioni.
Questa seconda raccolta di poesie mi è piaciuta anche di più della prima, tante delle sue parole le ho sentite a me affini, tante poesie sono state usate come caption sotto i miei scatti su Instagram.

«questa è la ricetta della vita
disse mia madre
tenendomi tra le braccia mentre piangevo
pensa a quei fiori che pianti
in giardino ogni anno
t’insegneranno
che anche le persone
devono appassire
cadere
radicare
crescere
per poter fiorire»

Alcune parole sono dolci, altre vi faranno molto male, sono proprio quelle che non vorreste mai sentire, figuriamoci leggerle. Rupi parla del suo modo di amare, del modo in cui ha ricevuto amore ma anche del dolore che è una costante nella sua vita, un dolore provato e che torna prepotente tra i ricordi, tra una metrica che non esiste, nella scelta dei verbi ricercata.

«ora
non è il momento
di tacere
né di farsi spazio
visto che di spazio non ne abbiamo avuto
ora
è il momento
di essere sfacciati
fare tutto il rumore che ci serve
per farci sentire»

Parlerà di crescita, dell’asciugarsi le lacrime e dell’andare avanti perché si può provare a fiorire anche se ti hanno segnato le radici.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...